roma vs milano
la sfida definitiva

ho deciso di organizzare una sfida tra milano e roma, per risolvere l'eterno dubbio: in quale delle due si vive meglio? io vivo a milano, ma cercherò di essere imparziale. per quanto riguarda clima, cucina ed arte credo che non ci sia storia, nel senso che anche il leghista più sfegatato deve ammettere che l'abbacchio è meglio della cotoletta ed il mare della nebbia. quindi questa sfida si svolgerà in un campo nuovo, confrontando cioè le mentalità delle due città, descritte in modo esemplare da due canzoni.
ho cercato di essere un arbitro imparziale, evidenziando in rosso gli aspetti negativi ed in blu quelli positivi che emergono dai testi.

milano:
O mia bella Madonnina, che te brillet de lontan
tutta dòra e piscinina, Ti te dòminet Milan
sòtta Ti se viv la vita, se sta mai coj man in man.
Canten tucc: "Lontan de Napoli se moeur",
ma poeu vegnen chi a Milan!

occorre però considerare anche il "nichilismo" che trasuda dai primi versi del testo (madonnina, piscinina...)

roma:
Fatece largo che passamo noi,
Li giovenotti de 'sta Roma bella,
Semo regazzi fatti cor pennello
E le regazze famo innammorà
,
E le regazze famo innammorà.

Ma che ce frega, ma che ce 'mporta
Si l'oste ar vino cià messo l'acqua;
E noi je dimo, e noi je famo:
"Ciai messo l'acqua e nun te pagamo".
Ma però noi semo quelli
Che j'arisponnemo 'n coro:
È mejo er vino de li Castelli
Che de 'sta zozza società
.

Ce piaceno li polli,
L'abbacchi e le galline,
Perché sò senza spine, nun sò com'er baccalà.
La società de li magnaccioni,
La società de la gioventù,
A noi ce piace de magna e beve
E nun ce piace de lavorà
.


tirando le somme: roma-milano: 4-1:

minlab